è più alto b1 o b2

È più alto il B1 o il B2? Ecco la verità sulle certificazioni!

Da quanto tempo la tua prof di inglese ti stressa con le certificazioni? Beh, effettivamente sono importanti, ma occorre fare chiarezza: è più alto un B1 o un B2...

Da quanto tempo la tua prof di inglese ti stressa con le certificazioni? Beh, effettivamente sono importanti, ma occorre fare chiarezza: è più alto un B1 o un B2 di inglese? E cosa indicano questi due valori? Il mondo delle certificazioni è così vasto che spesso ci manda in confusione e non riusciamo a capire quale sia il nostro livello di partenza e quello che vogliamo raggiungere. Nell’articolo di oggi spero di riuscirti a chiarire un po’ le idee: iniziamo!

È più alto il B1 o il B2?

Innanzitutto il sistema di certificazione delle lingue è definito dal Quadro Comune Europeo di Riferimento (QCER). Il suo scopo principale è quello di creare un metodo standard per determinare e valutare le competenze linguistiche in modo uniforme. Ci sono 3 livelli: A (di base o principiante), B (indipendente o intermedio) e C (esperto o avanzato). Questi sono ulteriormente suddivisi in A1, A2, B1, B1, B2, C1 e C2.

Che cos’è il livello B?

Il livello B è un livello intermedio. Ufficialmente con questo livello si identifica un “utente indipendente”, il che significa che se sei a questo livello conosci abbastanza inglese da poterlo usare in autonomia.
Uno studente di livello B è qualcuno che è in grado di usare la lingua in modo efficace e indipendente nella maggior parte delle situazioni quotidiane, siano esse legate al lavoro, alla scuola, ai viaggi o al tempo libero.
Uno studente di livello B è anche in grado di esprimere opinioni, discutere dei propri interessi personali e dei propri sogni.

Qual è la differenza tra B1 e B2?

Questa differenziazione all’interno del livello intermedio è cruciale. E, come puoi immaginarti, se ti stai chiedendo ancora se sia più alto il B1 o il B2, è il B2 ad essere superiore rispetto al B1.

Livello di inglese B1

Comunicare in modo efficace le proprie preferenze, pianificare, discutere di eventi passati e descrivere esperienze, eventi, speranze, sogni e opinioni: tutto questo fa parte del livello B1 di ogni certificazione.
Cosa significa questo in termini di grammatica? Significa che, per avere un livello B1, dovresti avere la padronanza delle strutture inglesi specifiche richieste per i contesti sopra citati: verbi modali, past simple (regolare e irregolare), i tempi futuri (present continuous, future simple, going to), present perfect, suggerimenti, avverbi di quantità.

Preference

Al livello B1 devi saper usare like/don’t like/love/hate (in quanto sono necessarie per parlare al livello A2). Una rinfrescata non fa mai male quindi, per intenderci, devi saper usare senza errori questa struttura: I (verbo preferenziale) + GERUND o NOUN.
In più dovresti essere in grado di utilizzare costruzioni più avanzate per la preferenza, tra cui I would like, do you mind, e I would rather (rispettivamente “vorrei”, “ti dispiace”, e “preferirei”).

Plans and Advice

Ci sono molte costruzioni particolari in inglese che vengono utilizzate per indicare suggerimenti e progetti. Sai usare Why don’t we, How/What about, Shall we, Let’s naturalmente in una conversazione?
Questo è il livello del QCER in cui i verbi modali iniziano a giocare un ruolo di primo piano nella produzione in lingua inglese. Non devi solo capire la differenza tra can e must, ma devi sapere anche che il contesto della frase detterà spesso il verbo appropriato da scegliere.
Per esempio: can si usa per dare consigli (you could buy your sister a dress for her birthday), indicare possibilità (smoking could cause cancer) e abilità nel passato (I could play the piano when I was younger, but now I forgot).

The Past & Future

Una delle cose più interessanti dell’inglese è come costruiamo e applichiamo il futuro e i tempi passati. A differenza delle lingue romanze, il passato e il futuro in inglese non sono determinati dalla distanza specifica dell’azione dal momento in cui si parla. Piuttosto, il tempo è determinato dal tipo di azione. Ogni azione finita legata ad un tempo specifico nel passato deve essere descritta usando il past simple . Che sia successo 1 settimana fa o 1000 anni fa, la regola non cambia. Allo stesso modo, ogni azione che è terminata, ma non ha alcuna connessione ad un tempo specifico (o è usata per descrivere un periodo di tempo) deve essere descritta usando il present perfect.  Devi anche essere in grado di identificare e applicare correttamente i tre futuri in inglese: future simple, to be + going to e present continuous.
Stranamente (lo so, è abbastanza frustrante per la maggior parte degli studenti) il futuro semplice è il meno utilizzato quando si discutono i nostri piani e idee per il futuro. Avere un livello di inglese B1 significa comprendere il suo utilizzo per le decisioni spontanee e sapere di utilizzare il present continuous per tutti i piani futuri già stabiliti. E going to? Questo è usato per descrivere tutto ciò che non rientra nelle due categorie precedenti: le intenzioni future.

Quantity

Per il B1 devi saper definire le quantità (much, many, some, a lot, a few, a bit) per indicare il rapporto tra ciò che hai e ciò di cui hai bisogno. Diciamo che se hai 4 sedie al tavolo, ma hai invitato 6 ospiti, dovrai spiegare in modo corretto che non hai abbastanza sedie. Allo stesso modo, se hai 6 ospiti e 50 sedie, dovresti dirmi che hai troppe sedie. Pensaci un attimo… hai in mente la frase giusta?

Livello di inglese B2

Bene. Se quello che hai letto finora ti sembra scontato e assodato allora significa che puoi passare oltre, ovvero al livello B2! Avere un inglese B2 non comporta saper solo utilizzare con sicurezza e precisione tutta la lingua del livello precedente, ma anche conoscere un vocabolario più ampio e complesso.
Meglio preparare un esame B1 o B2 d’inglese? Il B1 sicuramente rappresenta le fondamenta da cui iniziare a costruire nuovi mattoncini; quindi il mio consiglio è di preparare l’esame B2 solo quando ti sentirai davvero sicuro sulle competenze del B1.

Semi-Modals

Diversi modi di esprimere should, come had better/notought to dovrebbero essere nelle tue corde, così come la comprensione dei diversi modi di esprimere un obbligo. Non sottovalutare anche l’importanza di might as well; una terminologia un po’ più sofisticata ti farà distinguere agli occhi del tuo esaminatore! 

Present perfect

In un B2, non basta conoscere la forma semplice ma dovrai sapere usare anche la forma continua di questo tempo per descrivere la durata di un’attività, se è stata completata o meno, e per descrivere quanto tempo è trascorso da quando è successo qualcosa.
L’uso del Present perfect continuous (che mi piace chiamare “the complaining tense” perché è il tempo verbale usato quando devi lamentarti di qualcosa!) ti permette di esprimerti in un modo più preciso alle orecchie di un madrelingua.

Opinions

B2 significa iniziare a lavorare sull’accuratezza, soprattutto quando vuoi dare la tua opinione su qualcosa. Non ti dovrei sconvolgere il mondo se ti dico: I think, in my opinion, I have no doubt that, what do you think, how do you see it, according to.

Phrasal verbs

Eccoci arrivati al momento clou: i phrasal verbs.
L’inglese è ricco di verbi frasali e questi sono spesso l’unico modo per esprimere una certa idea… senza sinonimi o altre scappatoie!

B1 o B2: quale scegliere?

Ora che hai capito quali sono le differenze tra B1 e B2 e abbiamo finalmente risposto alla domanda “è più alto un B1 o un B2 di inglese?”, non ti resta che capire quale sia il livello più adatto a te. Vuoi andare anche oltre il B2? In questo caso si presenta il livello C: per affrontare un livello avanzato come questo dovrai fare molta pratica ed esercizi specifici, facendoti aiutare da insegnanti madrelingua e da un corso di inglese mirato al raggiungimento del tuo obiettivo.

Ti è piaciuto I'articolo?


ho letto l’informativa sulla privacy ed esprimo il consenso al trattamento dei miei dati personali per tutte le finalità ivi descritte. Leggi l’informativa sulla privacy

Giorgia

Sono nata e cresciuta a New York con padre americano e mamma italiana, per questo l'Italia ha avuto sempre un posto speciale nel mio cuore. Amo leggere, cucinare e fare lunghe passeggiate per Roma, la mia nuova casa.

    Comments

    comments

    Categorie
    Tips & Tricks

    Articoli correlati

    seguici sui social media