andare in Canada a lavorare

Andare in Canada a lavorare: Working Holiday Visa e consigli utili

Sogni il Canada? Vorresti volare verso Vancouver, visitare Montréal o esplorare le meraviglie della Columbia Britannica? Bene, se questo è il tuo sogno ma non sai da che parte cominciare,...

Sogni il Canada? Vorresti volare verso Vancouver, visitare Montréal o esplorare le meraviglie della Columbia Britannica? Bene, se questo è il tuo sogno ma non sai da che parte cominciare, la risposta che stai cercando è molto semplice: Working Holiday Visa; il visto vacanza/lavoro. Il governo del Canada, infatti, per facilitare le esperienze all’estero dei più giovani, permette di visitare il proprio territorio attraverso l’ottenimento di un permesso di lavoro temporaneo. Se stai organizzando qualcosa di simile, sappi che qui troverai tutte le informazioni che ti servono; c’è solo una cosa che davvero ti serve se stai pensando di andare in Canada a lavorare: Working Holiday Visa.

vancouver-1093742_1920

Andare in Canada a lavorare con Working Holiday Visa:

tutto quello che c’è da sapere!

Cos’è?

Il Working Holiday Visa Canada è un permesso valido 12 mesi: per 6 mesi si può lavorare; gli altri 6 mesi si può fare “vita da turista”. La cosa importante da sapere è che questi visti sono limitati (bisogna quindi organizzarsi per tempo con la richiesta): per esempio, per l’Italia, sono rilasciati circa 600 visti all’anno per tutti i giovani che vogliano usufruirne (e non sono rinnovabili).

Quali sono i requisiti?

Per fare richiesta del Working Holiday Visa si devono possedere necessariamente alcuni requisiti:

  • Essere cittadino italiano residente in Italia e possedere un passaporto valido;
  • Avere un’età compresa tra i 18 e i 35 anni al momento in cui si presenta la domanda;
  • Disporre di $2.500 (circa 2 mila euro) per dimostrare di poter provvedere alla copertura delle spese iniziali;
  • Essere disposto a stipulare una polizza di assicurazione sanitaria per tutta la durata del soggiorno;
  • Non aver mai partecipato prima al programma Vacanza-Lavoro di Esperienza Internazionale Canada.

Quali documenti presentare?

Per poter chiedere il visto lavorativo sarà necessario presentare la fedina penale (che dovrà essere immacolata) e un documento che attesti l’assenza di qualsiasi pendenza con la giustizia italiana.
Dopo aver presentato tutti i moduli necessari si deve attendere la risposta dal governo canadese che acconsentirà o meno alla concessione del visto.

Cosa fare se non riesci a trovare un lavoro?

Nel caso in cui il visto scada ma non si sia ancora riusciti a trovare un impiego in terra canadese, è obbligatorio tornare in Italia (anche se sarà possibile rientrare in Canada con un altro visto).

Altri visti

Il Working Holiday Visa può essere un’ottima soluzione se vuoi fare un’esperienza all’estero importante ma non hai molti soldi da investire e non vuoi gravare sulle spalle di nessuno. Tuttavia esistono altri visti per il Canada che si riveleranno utili se le tue esigenze sono di altro tipo: per turismo, per affari, per studio, per lavoro. 

montreal

Andare in Canada a lavorare: testimonianze oltreoceano.

Il Canada è un paese che offre molte opportunità lavorative, soprattutto nel settore della sanità: leggi la nostra intervista a Maddi, giovane infermiera canadese che ci racconta la sua vita e la sua professione in Canada. Se deciderai di andare in Canada a lavorare capirai bene che l’inglese è indispensabile sia per le piccole cose quotidiane sia per comunicare in modo chiaro ed efficace con i tuoi futuri colleghi: il mio consiglio è di iscriverti ad un corso di inglese che magari ti prepari ad ottenere una certificazione riconosciuta e che ti possa tornare utile quando dovrai cercare lavoro all’estero!

Ti è piaciuto I'articolo?


ho letto l’informativa sulla privacy ed esprimo il consenso al trattamento dei miei dati personali per tutte le finalità ivi descritte. Leggi l’informativa sulla privacy

Roberta

Roberta è nata e cresciuta a Venezia; è laureata in storia dell'arte e sogna di possedere un sidecar da condividere con il suo amico immaginario Pino, compagno di avventure e di chiacchierate tanto interessanti quanto assurde. Tutti la prendono in giro perché porta il 41 di scarpe!

    Comments

    comments

    Categorie
    go abroad

    Articoli correlati

    seguici sui social media