also in inglese

English Grammar: come usare “also” nelle conversazioni in inglese

In italiano, soprattutto quando parliamo in maniera colloquiale, siamo soliti bistrattare alcune parole: pensa a quante volte, durante una conversazione, diciamo “cioè”, “allora”, “diciamo”, “anche”… mettendole un po’ a...

In italiano, soprattutto quando parliamo in maniera colloquiale, siamo soliti bistrattare alcune parole: pensa a quante volte, durante una conversazione, diciamo “cioè”, “allora”, “diciamo”, “anche”… mettendole un po’ a caso, senza cognizione di causa. Ecco, gli inglesi ci battono in pragmatismo e oggi ci soffermeremo sulla parola also che nella grammatica inglese ha una posizione ben precisa all’interno della frase, a seconda del messaggio che si desidera comunicare.

Tutto quello che c’è da sapere sulla parola also in inglese.

Innanzitutto… che cos’è also nella grammatica inglese?
 È un avverbio e significa “anche”, “in aggiunta” ed esprime un concetto simile a too, as well.
E.g. She was tall, blonde, and also beautiful.
E.g. She was tall, blonde, and beautiful too.

Dove si posiziona nella frase?

Visto che è un avverbio, probabilmente ti aspetti di trovare also accanto a un verbo, tuttavia, non è sempre così.

Cosa significa questo per il posizionamento delle parole?
Also è usato per dare enfasi e cambiare la sua posizione in una frase significa cambiare sottilmente il significato e l’intensità di quella frase.

  1. Also, I think that you should consider quitting your job.
  2. also think that you should consider quitting your job.
  3. I think that you also should consider quitting your job.
  4. I think that you should also consider quitting your job.
  5. I think that you should consider also quitting your job.
  6. I think that you should consider quitting your job also.

Potresti aver letto che also in inglese è più comunemente usato nella comunicazione scritta piuttosto che in quella parlata; beh: non è vero! Nell’inglese formale, also è usato come avverbio per introdurre materiale aggiuntivo rilevante per le informazioni fornite in precedenza.

E.g. Thomas Edison is best known for inventing the lightbulb, but he also invented the phonograph.
L’uso è chiaro: Thomas Edison ha inventato sia la lampadina che il fonografo.

L’uso di also nell’inglese colloquiale è cambiato nel tempo. Quando usiamo questa parola nelle conversazioni e nei messaggi di testo, è spesso un sostituto di “a proposito” o di “parlare di”.

Diamo un’occhiata agli esempi di cui sopra e analizziamo l’uso di also nella grammatica inglese.

1. Also, I think that you should consider quitting your job.

 Attenzione alla virgola! In inglese la punteggiatura è estremamente importante poiché indica come dovrebbe scorrere la frase. La virgola qui rappresenta una pausa. In questa frase, also è usato per introdurre nuove informazioni in aggiunta ad altre cose che il soggetto ha già detto. Non sappiamo se abbandonare il tuo lavoro è rilevante per le cose precedenti (“dovresti parlare con il tuo capo, lamentarti con il tuo HR Manager e penso anche che dovresti considerare l’idea di lasciare il tuo lavoro”) o se l’oratore voleva solo presentare queste informazioni dopo cose non rilevanti nella conversazione (in questo caso, “anche” sarebbe l’equivalente di “a proposito”). L’uso qui è più ambiguo e dipende interamente dal contesto.

2. I also think that you should consider quitting your job.

L’uso anche qui è diverso perché l’argomento viene subito prima: l’idea è che qualcun altro abbia già espresso l’opinione “penso che dovresti considerare di lasciare il tuo lavoro” e l’oratore usa also per indicare che anche lui la pensa allo stesso modo.

3. I think that you also should consider quitting your job.

4. I think that you should also consider quitting your job.

Questi due posizionamenti di also sono molto simili nella funzione. In questo caso, il soggetto ha già espresso alcune opinioni e sta aggiungendo a questa lista il concetto di “abbandono del lavoro”. Possiamo immaginare un contesto del genere: “Penso che dovresti tagliarti i capelli, iscriverti in palestra e prendere in considerazione anche la possibilità di lasciare il tuo lavoro”.

5. I think that you should consider also quitting your job.

In questo caso dal posizionamento di also sappiamo che la conversazione è stata esclusivamente legata al lavoro. Il dialogo potrebbe essere stato collegato a problemi sul lavoro e l’oratore stava dando consigli su come procedere (“dovresti parlare con il tuo HR Manager, dovresti parlare con il tuo capo”) e “lasciare il proprio lavoro” è l’ultimo punto di una lista di considerazioni fatte da chi parla.
Dal momento che also è posto dopo consider, il contesto precedente dev’essere stato per forza inerente al mondo professionale.

6. I think that you should consider quitting your job also.

Quando also si trova all’inizio o alla fine della frase, la funzione è meno rigida e l’idea esatta della frase dipende interamente dal contesto circostante.
In questo caso, potrebbe essere utilizzato per indicare che l’oratore presenta l’abbandono di un lavoro come ulteriore consiglio dopo un elenco di altre opinioni rilevanti (come negli esempi 3 e 4).
In inglese formale, l’uso di also alla fine può anche essere usato per indicare che l’idea di lasciare il lavoro è già stata presentata da un’altra persona e personalmente sono d’accordo su questa posizione (come nell’esempio 2).

Also nella grammatica inglese: l’importanza di

saper comprendere il contesto

Come hai potuto vedere, also in inglese è una parola onnipresente. La sua funzione riflette il contesto della frase e saperlo interpretare nel modo corretto non è così facile e intuitivo per chi non è madrelingua: per migliorare la comprensione serve molto allenamento ed esercizi e, sicuramente, un corso di inglese ti farà cogliere tutte le sfumature di significato per portare il tuo livello linguistico al top!

Ti è piaciuto I'articolo?


ho letto l’informativa sulla privacy ed esprimo il consenso al trattamento dei miei dati personali per tutte le finalità ivi descritte. Leggi l’informativa sulla privacy

Giorgia

Sono nata e cresciuta a New York con padre americano e mamma italiana, per questo l'Italia ha avuto sempre un posto speciale nel mio cuore. Amo leggere, cucinare e fare lunghe passeggiate per Roma, la mia nuova casa.

    Comments

    comments

    Categorie
    english bits

    Articoli correlati

    seguici sui social media