Untitled 7

10 posti da vedere assolutamente nel 2018 secondo il New York Times

Annualmente il New York Times pubblica una classifica di 52 luoghi da visitare assolutamente durante l’anno seguente. Si tratta di mete più o meno note, più o meno grandi e...

Annualmente il New York Times pubblica una classifica di 52 luoghi da visitare assolutamente durante l’anno seguente. Si tratta di mete più o meno note, più o meno grandi e più o meno visitate: una lista di 52 luoghi da scoprire (o riscoprire) denominata Places to Go e che qui, per motivi di spazio, ho dovuto ridurre. Oggi parleremo solamente delle prime 10 posizioni e rimandiamo le restanti 42 ad un momento successivo. Se vuoi puoi addirittura tentare l’impresa di visitarli tutti in un solo anno: qualcuno ha pensato infatti ad un percorso in 52 settimane (12 mesi) che preveda la visita di tutti e 52 i posti menzionati dal New York Times.

Se non hai a disposizione un intero anno, sappi che ci sono comunque molte alternative anche non troppo lontane. Per esempio, per il 2018, ci sono addirittura 3 località italiane! Ma non voglio anticiparti troppo: partiamo dalla decima posizione e risaliamo questa splendida classifica alla scoperta della top3!

Scopri la Guida per viaggiare gratis con l’Inglese

10. Glasgow (Scozia)

Al decimo posto una città scozzese splendida ma troppo spesso conosciuta solo per le distillerie di whiskey. La cosa che ha contribuito a far entrare di diritto Glasgow in questa classifica è il fatto di aver messo in piedi una serie di progetti architettonici che dovrebbero finalizzarsi entro il 2025: oltre 250 nuovi edifici che andranno ad aumentare la vivibilità e le risorse di un’area già vivace e molto attiva.

9. Bhutan

Non una città ma un intero paese, tutto da scoprire; un piccolo stato himalayano che sta investendo molto su turismo, infrastrutture (di lusso) e trasporti. Non solo: questa è una terra che trasuda cultura, tradizioni e storia antica. Davvero particolare l’approccio allo sviluppo proposto negli anni settanta dal re: la Felicità Interna Lorda, un indicatore per calcolare il grado di benessere della popolazione.

8. Cincinnati (Ohio)

Nel 2017 la città statunitense ha iniziato una campagna di forte rilancio che ha portato in poco tempo alla costruzione di piccoli birrifici, ristoranti a chilometro zero, negozi bio e vegan. In più, sempre nel 2017, sono stati inaugurati o riaperti tre nuovi teatri fra i quali anche la famosa Music Hall: un bell’investimento sul settore culturale che ha pienamente ripagato gli sforzi fatti!

7. Gangwon (Corea del Sud)

In questa sconosciuta provincia coreana si stanno tenendo proprio in questi giorni i XXIII Giochi Olimpici Invernali (Pyeongchang 2018). Conosciuta soprattutto per le stazioni balneari e per la particolare e rinomata cucina locale, Gangwon offre da qualche anno anche sistemazioni lussuose in raffinati resort. Oppure si possono ammirare anche splendidi siti buddisti e soggiornare in suggestivi templi, ammirando il lussureggiante parco nazionale di Seoraksan.

6. Route of Parks (Cile)

Il nome non basta a descrivere la meraviglia godibile percorrendo questa strada che mette in collegamento ben 17 parchi nazionali! Si potrà ammirare il Distretto dei Laghi, il Canale di Beagle; attraversare le foreste della Patagonia, ammirare i vulcani innevati e la costa selvaggia: un’esperienza da fare! Non nel 2018: una volta nella vita!

5. Lago dei Quattro Cantoni (Svizzera)

È detto anche Lago di Lucerna e prende questo nome dalla cittadina che si affaccia sulle sue sponde, affascinante ed elogiata per la sua bellezza medievale. Immagina: montagne innevate, piccoli borghi che si specchiano sulle acque verdi-blu lussuosi resort nei quali rilassarsi.

4. Caraibi

Una sorpresa trovare le meravigliose isole caraibiche ai piedi della Top3: vero è che hanno sofferto particolarmente del passaggio di tifoni e tempeste tropicali che le hanno letteralmente messe in ginocchio. Mantengono tuttavia intatto il loro fascino ed è davvero d’obbligo farci una capatina; nel 2018 o in futuro. In più, dopo il passaggio delle tempeste, i turisti troveranno ristoro in numerosi resort di lusso di nuova apertura!

3. Basilicata (Italia)

Inaspettatamente in terza posizione troviamo l’Italia, con una regione un po’ bistrattata in patria: la Basilicata infatti è definita dai giornalisti del noto quotidiano “uno dei segreti meglio custoditi” del nostro territorio. La regione si guadagna un meritato podio per via delle grotte, delle spiagge, del buon cibo ma soprattutto per via di Matera, meraviglioso sito Unesco e Capitale della Cultura Europea per il 2019.
Ma nella classifica del New York Times ci sono altre due mete italiane: l’Emilia Romagna al 40esimo posto e il Südtirol al 50esimo.

2. Colombia

Una meta in ascesa a livello turistico e che vanta spettacolari itinerari: Bogotà, Caño Cristales e poi le incredibili foreste pluviali. Il paese punta a diventare meta turistica a tutto tondo e tenta di togliersi di dosso quell’immagine di luogo pericoloso e non troppo sicuro che l’accompagna ormai da tempo.

1. New Orleans (Louisiana)

Quest’anno compirà 300 anni e si prepara a festeggiare alla grande con tantissimi eventi unici e colorati (a cominciare dalle parate organizzate in occasione di Mardi Gras). Il luogo è stato scelto dai giornalisti del New York Times per via dell’irresistibile e unica contaminazione tra influenze europee, caraibiche, latino-americane ed africane che a New Orleans si riflettono su tutto: dal cibo alla musica passando per l’architettura!

Scopri la Guida per viaggiare gratis con l’Inglese

 

Ti è piaciuto I'articolo?


ho letto l’informativa sulla privacy ed esprimo il consenso al trattamento dei miei dati personali per tutte le finalità ivi descritte. Leggi l’informativa sulla privacy

Robert

Hi everyone! Sono Robert e vengo da San Francisco; sono un musicista girovago poiché giro il mondo con la mia chitarra, in cerca di nuovi amici. E di me stesso. Sono un amante dei film horror e un appassionato lettore di fumetti!

    Comments

    comments

    Categorie
    freedomland

    Articoli correlati

    seguici sui social media