The Cranberries – Zombie

Se sei nato negli anni 80, conosci di certo Zombie, il singolo più famoso del gruppo musicale irlandese The Cranberries; era il 1994 e il brano passava in loop su tutte le...

Se sei nato negli anni 80, conosci di certo Zombie, il singolo più famoso del gruppo musicale irlandese The Cranberries; era il 1994 e il brano passava in loop su tutte le radio italiane e internazionali. Sì, perché questo grande successo ha raggiunto la top10 in 25 paesi e ha vinto anche un MTV Europe Music Awards nella categoria Canzone dell’anno.

La canzone fu composta da Dolores O’Riordan, voce e chitarra del gruppo, durante un tour inglese della band: il brano è nato in memoria di due ragazzi, Jonathan Ball e Tim Parry, rimasti uccisi in un attentato dell’IRA a Warrington in Inghilterra il 20 marzo 1993. 

Scopri la Guida alla scelta della Scuola di Inglese

La storia

In realtà la cantante ha sempre affermato di non essersi soffermata troppo, nel momento della stesura, sulla valenza politica del brano ma di aver scritto la canzone solo come reazione alla morte di un bimbo. Ecco perché il pezzo è da molti considerato un simbolo contro ogni tipo di violenza e una denuncia della disumanità dell’uomo e di alcune realtà. 

In più, e nonostante ciò che potrebbe sembrare, gli zombie a cui si fa riferimento non sono gli uomini che compiono atrocità, bensì si tratta di tutti gli altri: coloro che non vedono (o non vogliono vedere) e sono ormai assuefatti alla violenza del mondo… come dei morti viventi. 

Il videoclip

Nel video, Dolores appare completamente dipinta d’oro e circondata da alcuni bambini muniti di arco e frecce (tanto che in molti hanno visto nella scena la classica iconografia associata alla figura di San Sebastiano). Tuttavia nella versione originale del videoclip le scene che vedono Dolores ricoperta d’oro si alternano a scene che richiamano l’occupazione militare britannica durante la crisi nordirlandese. Si vedono infatti soldati britannici armati che pattugliano le strade in tenuta da guerra: in realtà sui circuiti televisivi britannici fu distribuita una versione “censurata” della clip.

The Cranberries – Zombie

Another head hangs lowly
Child is slowly taken
And the violence, caused such silence
Who are we, mistaken?

But you see, it’s not me
It’s not my family
In your head, in your head, they are fighting
With their tanks, and their bombs
And their bombs, and their guns
In your head, in your head they are crying

In your head, in your head
Zombie, zombie, zombie-ie-ie
What’s in your head, in your head?
Zombie, zombie, zombie-ie-ie, oh

Du, du, du, du
Du, du, du, du
Du, du, du, du
Du, du, du, du

Another mother’s breaking
Heart is taking over
When the violence causes silence
We must be mistaken

It’s the same old theme
Since nineteen-sixteen
In your head, in your head, they’re still fighting
With their tanks, and their bombs
And their bombs, and their guns
In your head, in your head, they are dying

In your head, in your head
Zombie, zombie, zombie-ie-ie
What’s in your head, in your head?
Zombie, zombie, zombie-ie-ie

Vocabulary

hang lowly: reclinare

Who are we, mistaken?: Si tratta di una frase controversa anche se la traduzione più accreditata potrebbe essere “Abbiamo fatto un errore?”

tanks: carri armati

Since nineteen-sixteen: nel testo si richiamano le vicende dell’Easter Rising del 1916, in italiano Rivolta di Pasqua. Si tratta di una ribellione avvenuta in Irlanda nella settimana di Pasquale 1916; un tentativo dei militanti repubblicani irlandesi di ottenere l’indipendenza dal Regno Unito con la forza e la violenza delle armi. Nonostante l’insuccesso l’episodio è considerato uno dei punti saldi per la futura creazione dell’attuale Repubblica d’Irlanda. 

Scopri la Guida alla scelta della Scuola di Inglese

 

Alessia

Maniaca dell’ordine, sognatrice seriale; Alessia ama i gatti, il caffè senza zucchero e i film. La sua stagione preferita è l’autunno: foglie ingiallite, i primi freddi e la pioggia. Possibilmente tutti i giorni e, magari, abbondante. Grazie.

Comments

comments

Categorie
english bits

Articoli correlati

seguici sui social media