I migliori film legal di sempre

I “legal” o “legal thriller” sono un sottogenere del classico film thriller; vengono chiamati anche “thriller giudiziari”, “gialli giudiziari” e in molti altri modi ma tutti indicano una cosa sola:...

I “legal” o “legal thriller” sono un sottogenere del classico film thriller; vengono chiamati anche “thriller giudiziari”, “gialli giudiziari” e in molti altri modi ma tutti indicano una cosa sola: un thriller a sfondo legale.
 Infatti gli indiscussi protagonisti di queste pellicole sono gli avvocati, i giudici, le giurie e tutta (o quasi) la vicenda si svolge in un’aula di tribunale.
Il soggetto del film ruota, ovviamente, attorno a un crimine e ai suoi aspetti legali: hai presente la serie tv Law&Order? Oppure i libri di John Grisham? Ecco: quelli sono legal. E la cosa interessante è che questi film, se visti in lingua originale, ti daranno la possibilità di praticare numerosi vocaboli a sfondo legale molto utilizzati e assolutamente importanti; perciò ti consiglio di leggere la nostra classifica a proposito di quali sono i migliori film legal di sempre!

Scopri di più sui Corsi di Inglese per Avvocati

Il caso Thomas Crawford – Fracture (2007)

Un ricco ed anziano ingegnere (Anthony Hopkins) escogita un piano per uccidere la giovane e bella moglie infedele e incolpare l’agente di polizia suo amante. Se non che l’assistente distrettuale Willy Beachum (Ryan Gosling) non è per niente convinto di come sono andate le cose e inizia ad indagare, in cerca della verità!

Da vedere perché: la trama è un po’ complessa ma, alla fine, tutto coincide e funziona perfettamente… come un ingranaggio!

The Life of David Gale (2003)

David Gale è un professore di filosofia presso l’Università del Texas che ha perso tutto: il lavoro, la famiglia, gli amici. Tutto perché è stato accusato di stupro ed omicidio e per questi reati condannato a morte. Ma c’è una giornalista, Kate Winslet, che, a 3 giorni dall’esecuzione, è convinta di poterlo salvare.

Da vedere perché: il finale è di quelli paradigmatici e dopo non potrai fare a meno di chiederti quale sia il confine fra fanatismo ed ideologia.

Il cliente – The Client (1994)

Giocando in un bosco, un ragazzino incontra un avvocato in procinto di suicidarsi che gli rivela alcune scomode verità sui suoi loschi traffici. In un attimo il ragazzo si ritrova ad essere un testimone scomodo, minacciato da mafiosi e delinquenti di ogni tipo e difeso dalla brillante avvocatessa Susan Sarandon.

Da vedere perché: Tommy Lee Jones è micidiale e c’è anche Anthony LaPaglia, poi protagonista in Senza Traccia.

Codice d’onoreA Few Good Men (1992)

Tom Cruise interpreta un rampante avvocato della marina militare statunitense a cui è stato assegnato il caso di due marines accusati dell’omicidio di un loro commilitone. Demi Moore è l’assistente di Cruise e alla sbarra depone nientepopodimeno che Jack Nicholson, cattivissimo alto ufficiale dell’esercito che, davanti alla corte marziale, testimonia su alcune pratiche diffuse nel mondo militare. Pratiche discutibili e che scuotono fortemente la società civile.

Da vedere perché: c’è anche Kevin Bacon!

Michael Clayton (2007)

George Clooney è Michael Clayton, un avvocato dalla brillante carriera ma con una vita personale disastrata, che si trova a collaborare alla difesa di una multinazionale che produce fertilizzanti cancerogeni assieme ad un amico. Dopo il misterioso omicidio/suicidio di quest’ultimo, Clayton capisce che il gioco si è fatto sporco e allora: da che parte stare?

Da vedere perché: la storia tiene incollato lo spettatore per tutto il tempo!

Il momento di uccidere – A Time to Kill (1996)

Nell’America razzista del profondo sud due ragazzi bianchi violentano ed uccidono una ragazza di colore; dopo l’assoluzione dei due, il padre della giovane (Samuel L. Jackson) decide di farsi giustizia da solo e viene difeso da un giovane avvocato interpretato da Matthew McConaughey.

Da vedere perché: Matthew McConaughey e Sandra Bullock danno grande prova delle proprie doti recitative.

L’uomo della pioggia – The Rainmaker (1997)

Questo è uno dei capolavori del grande Francis Ford Coppola: la storia è quella di un giovane neo avvocato (Matt Damon) che, con l’aiuto di un vecchio praticante mai laureatosi (Danny DeVito), assume la difesa di un ragazzo malato di leucemia al quale l’assicurazione non vuole erogare il risarcimento. É la vecchia storia di una grande multinazionale (in questo caso assicurativa) e dei piccoli uomini che non si arrendono a subire da essa soprusi.

Da vedere perché: DeVito e Damon regalano allo spettatore due performance di tutto rispetto. Il resto lo fa Coppola!

Schegge di paura – Primal Fear (1996)

Il timido chierichetto interpretato da Edward Norton viene accusato dell’omicidio di un arcivescovo e difeso da un famoso avvocato con il volto e le movenze di Richard Gere.

Da vedere perché: dopo mezz’ora dall’inizio del film, la storia è già avvincente al punto da tenere incollato lo spettatore allo schermo e il finale è memorabile!

L’avvocato del diavolo – The Devil’s Advocate (1997)

Kevin Lomax (Keanu Reeves) è un giovane e brillante avvocato che non ha mai perso una causa e che non si fa scrupoli morali a far assolvere anche i colpevoli. Per via del suo successo viene chiamato a lavorare a New York, presso il famoso studio legale Milton, il cui proprietario (Al Pacino) è un fascinoso quanto ambiguo personaggio che si rivelerà essere un’entità letteralmente demoniaca.

Da vedere perché: il paragone fra un certo tipo di avvocatura e il mondo demoniaco, fa un po’ sorridere!

Il rapporto Pelican – The Pelican Brief (1993)

Julia Roberts interpreta una giovane studentessa di legge che, durante le sue ricerche, arriva a redigere un rapporto a proposito dei presunti omicidi di due giudici della corte suprema americana. Il rapporto, tuttavia, attira l’attenzione del mandante degli omicidi e la giovane è costretta a difendersi da costanti minacce, anche grazie al reporter interpretato da Denzel Washington.

Da vedere perché: il film è tratto dal grande successo omonimo di John Grisham.

Scopri di più sui Corsi di Inglese per Avvocati

Alessia

Maniaca dell’ordine, sognatrice seriale; Alessia ama i gatti, il caffè senza zucchero e i film. La sua stagione preferita è l’autunno: foglie ingiallite, i primi freddi e la pioggia. Possibilmente tutti i giorni e, magari, abbondante. Grazie.

    Comments

    comments

    Categorie
    zapping

    Articoli correlati

    seguici sui social media