Martin Luther King

Martin Luther King: I have a dream

  Sapevi che uno dei più famosi discorsi nella storia è stato in parte improvvisato? Le celebri parole ‘I have a dream’ pronunciate da Martin Luther King il 28...

Scopri la Guida alla scelta della Scuola di Inglese

 

Sapevi che uno dei più famosi discorsi nella storia è stato in parte improvvisato?

Le celebri parole ‘I have a dream’ pronunciate da Martin Luther King il 28 Agosto del 1963, non erano state previste nel suo discorso. Fino alla notte prima della protesta, King non era molto sicuro di cosa avrebbe detto e nella bozza finale che venne divulgata la frase ‘I have a dream’ non era scritta da nessuna parte!

Solo verso la fine del discorso, la famosa cantante gospel Mahalia Jackson, seduta accanto al podio, gridò a King  “Dì loro del sogno, Martin!” 

King parlò di fronte a 30.000 persone a Washington D.C. radunate davanti al Lincoln Memorial per manifestare contro la disparità di trattamento delle persone di colore negli Stati Uniti. La schiavitù era stata abolita nel 1863, ma la separazione nella vita di tutti i giorni tra le persone bianche e le persone di colore era legale e negli stati del sud era la regola. C’erano fontane separate per bianchi e afroamericani, entrate separate per le aziende e per i ristoranti, sale d’attesa diverse nelle stazioni dei treni e dei bus e  ai bambini di colore non era permesso frequentare le stesse scuole dei bambini bianchi .

Durante la sua carriera di attivista per i diritti civili, King ha sempre sostenuto i principi della non-violenza nel promuovere le proteste, le quali, però, spesso venivano represse duramente dalla polizia, specialmente in Georgia, Alabama, Mississippi e nel Tennessee, gli stati menzionati alla fine del discorso.

A rendere il discorso così memorabile non furono soltanto le parole e la passione dietro di esse ma piuttosto l’immagine che quelle parole crearono:  bambini di colore e bianchi che giocano insieme, la libertà per gli afroamericani di vivere in una società senza segregazioni e persone che lavorano insieme per proteggere i diritti civili di tutti . King condivise la sua visione di un futuro armonioso dal punto di vista della tensione razziale e ricordò a tutti i sui concittadini il vero principio della Dichiarazione di Indipendenza: tutti gli uomini sono stati creati uguali.

L’intero discorso durò circa 17 minuti, quindi mi soffermerò sull’ultima parte, la più memorabile, prima in inglese e poi in italiano.

 

And so even though we face the difficulties of today and tomorrow, I still have a dream. It is a dream deeply rooted in the American dream.

I have a dream that one day this nation will rise up and live out the true meaning of its creed: “We hold these truths to be self-evident, that all men are created equal.

I have a dream that one day on the red hills of Georgia, the sons of former slaves and the sons of former slave owners will be able to sit down together at the table of brotherhood.

I have a dream that one day even the state of Mississippi, a state sweltering with the heat of injustice, sweltering with the heat of oppression, will be transformed into an oasis of freedom and justice.

I have a dream that my four little children will one day live in a nation where they will not be judged by the color of their skin but by the content of their character.

I have a dream today! I have a dream that one day, down in Alabama, with its vicious racists, with its governor having his lips dripping with the words of “interposition” and “nullification” — one day right there in Alabama little black boys and black girls will be able to join hands with little white boys and white girls as sisters and brothers.

I have a dream today! I have a dream that one day every valley shall be exalted, and every hill and mountain shall be made low, the rough places will be made plain, and the crooked places will be made straight; “and the glory of the Lord shall be revealed and all flesh shall see it together.

This is our hope, and this is the faith that I go back to the South with. With this faith, we will be able to hew out of the mountain of despair a stone of hope. With this faith, we will be able to transform the jangling discords of our nation into a beautiful symphony of brotherhood. With this faith, we will be able to work together, to pray together, to struggle together, to go to jail together, to stand up for freedom together, knowing that we will be free one day.

And this will be the day — this will be the day when all of God’s children will be able to sing with new meaning: My country ’tis of thee, sweet land of liberty, of thee I sing. Land where my fathers died, land of the Pilgrim’s pride, From every mountainside, let freedom ring! And if America is to be a great nation, this must become true. And so let freedom ring from the prodigious hilltops of New Hampshire. Let freedom ring from the mighty mountains of New York.

Let freedom ring from the heightening Alleghenies of Pennsylvania. Let freedom ring from the snow-capped Rockies of Colorado. Let freedom ring from the curvaceous slopes of California. But not only that: Let freedom ring from Stone Mountain of Georgia. Let freedom ring from Lookout Mountain of Tennessee.

Let freedom ring from every hill and molehill of Mississippi. From every mountainside, let freedom ring. And when this happens, and when we allow freedom ring, when we let it ring from every village and every hamlet, from every state and every city, we will be able to speed up that day when all of God’s children, black men and white men, Jews and Gentiles, Protestants and Catholics, will be able to join hands and sing in the words of the old Negro spiritual: Free at last! Free at last! Thank God Almighty, we are free at last!

 

E perciò, amici miei, vi dico che, anche se dovrete affrontare le asperità di oggi e di domani, io ho sempre davanti a me un sogno.

E’ un sogno profondamente radicato nel sogno americano, che un giorno questa nazione si leverà in piedi e vivrà fino in fondo il senso delle sue convinzioni: noi riteniamo ovvia questa verità, che tutti gli uomini sono creati uguali.

Io ho davanti a me un sogno, che un giorno sulle rosse colline della Georgia i figli di coloro che un tempo furono schiavi e i figli di coloro che un tempo possedettero schiavi, sapranno sedere insieme al tavolo della fratellanza.

Io ho davanti a me un sogno, che un giorno perfino lo stato del Mississippi, uno stato colmo dell’arroganza dell’ingiustizia, colmo dell’arroganza dell’oppressione, si trasformerà in un’oasi di libertà e giustizia.

Io ho davanti a me un sogno, che i miei quattro figli piccoli vivranno un giorno in una nazione nella quale non saranno giudicati per il colore della loro pelle, ma per le qualità del loro carattere.

Ho davanti a me un sogno, oggi! Io ho davanti a me un sogno, che un giorno ogni valle sarà esaltata, ogni collina e ogni montagna saranno umiliate, i luoghi scabri saranno fatti piani e i luoghi tortuosi raddrizzati e la gloria del Signore si mostrerà e tutti gli essere viventi, insieme, la vedranno.

E’ questa la nostra speranza. Questa è la fede con la quale io mi avvio verso il Sud. Con questa fede saremo in grado di strappare alla montagna della disperazione una pietra di speranza. Con questa fede saremo in grado di trasformare le stridenti discordie della nostra nazione in una bellissima sinfonia di fratellanza. Con questa fede saremo in grado di lavorare insieme, di pregare insieme, di lottare insieme, di andare insieme in carcere, di difendere insieme la libertà, sapendo che un giorno saremo liberi.

Quello sarà il giorno in cui tutti i figli di Dio sapranno cantare con significati nuovi: paese mio, di te, dolce terra di libertà, di te io canto; terra dove morirono i miei padri, terra orgoglio del pellegrino, da ogni pendice di montagna risuoni la libertà; e se l’America vuole essere una grande nazione possa questo accadere. Risuoni quindi la libertà dalle poderose montagne dello stato di New York.

Risuoni la libertà negli alti Allegheny della Pennsylvania. Risuoni la libertà dalle Montagne Rocciose del Colorado, imbiancate di neve. Risuoni la libertà dai dolci pendii della California. Ma non soltanto. Risuoni la libertà dalla Stone Mountain della Georgia. Risuoni la libertà dalla Lookout Mountain del Tennessee.

Risuoni la libertà da ogni monte e monticello del Mississippi. Da ogni pendice risuoni la libertà. E quando lasciamo risuonare la libertà, quando le permettiamo di risuonare da ogni villaggio e da ogni borgo, da ogni stato e da ogni città, acceleriamo anche quel giorno in cui tutti i figli di Dio, neri e bianchi, ebrei e gentili, protestanti e cattolici, sapranno unire le mani e cantare con le parole del vecchio inno: “Liberi finalmente, liberi finalmente; grazie Dio Onnipotente, siamo liberi finalmente.

Scopri la Guida alla scelta della Scuola di Inglese

Carrie

Hi, i'm Carrie! I love travelling and experiencing new cultures which brought me to teaching. I love gelato Italiano. My favourite flavour is pistachio. I'm a keen animal lover. My biggest fear is a giant spider.

    Comments

    comments

    Categorie
    english bits

    Articoli correlati

    seguici sui social media