Aprire un franchise all’estero: tutte le info

Ormai hai deciso: te ne vai all’estero e punti tutto su te stesso. Magari stai pensando di avviare un’impresa e diventare imprenditore… certo, investire in paesi stranieri può essere...

Ormai hai deciso: te ne vai all’estero e punti tutto su te stesso. Magari stai pensando di avviare un’impresa e diventare imprenditore… certo, investire in paesi stranieri può essere un rischio e devono essere valutati molti parametri prima di buttarsi in una realtà che si conosce poco o niente. Per avere successo, infatti, è importante informarsi sul paese, sulla mentalità della gente, sulla burocrazia e le leggi vigenti, sul mercato e sui comportamenti di acquisto del potenziale target. Ecco perché il franchising può rappresentare la soluzione ideale: un marchio già conosciuto e avviato offre più sicurezza rispetto ad una startup! Oggi ti spiegherò come fare se vuoi avviare il tuo franchise all’estero e ti fornirò molte info utili e alcuni suggerimenti. Cosa stai aspettando? Ah, ti servono solo: un budget adeguato; una buona conoscenza della lingua del paese ospitante; il contatto di riferimento… e ovviamente un marchio solido!

Scopri i corsi di Business English

Aprire un franchise all’estero: tutte le info

Cos’è il franchising?

La prima cosa da fare è cercare di capire cos’è il franchising (o affiliazione commerciale): si tratta di una formula di collaborazione tra imprenditori dedicata a chi desidera avviare una nuova impresa senza partire da zero, preferendo affiliarsi a un marchio già affermato. Dietro pagamento, quindi, la proprietà del marchio concede all’investitore un insieme di diritti: proprietà industriale o intellettuale, denominazioni commerciali, insegne, disegni, diritti d’autore, know how, brevetti, assistenza o consulenza tecnica e commerciale.

Il franchising può essere di 2 tipi:

  • Franchising diretto: quando è coinvolto il titolare del marchio italiano che segue tutte le pratiche di apertura e affianca l’affiliato nell’iter di esportazione del marchio e di apertura del punto vendita;
  • Franchising indiretto: prevede l’inserimento di un “Master Franchise”, un altro soggetto che sia allo stesso tempo titolare e investitore.

Dove andare?

Qual è il paese giusto in cui aprire un franchise? Ci sono alcuni paesi molto ambiti come l’Australia e gli Stati Uniti ma anche paesi europei come Svizzera, Germania, Francia e Inghilterra. Da non sottovalutare i mercati emergenti di India, Brasile, Cina e Russia. In particolare negli USA il concetto di “catena” è molto più sviluppato che in Italia e in Europa. Perché non farci un pensierino?

Ricorda, inoltre, che una discriminante importante può essere quella legata alle agevolazioni fiscali e al costo della manodopera. Valuta con attenzione!

I settori

Noi italiani abbiamo un grande vantaggio/potenziale: il Made in Italy all’estero ha un grande appeal! Esportare un prodotto o un know how nostrano, adattarlo al contesto e al mercato locale, può essere una strategia di successo.

Detto questo i settori migliori nei quali investire se si desidera aprire un franchise all’estero sono principalmente la ristorazione rapida (fast food in primis) e pizzerie; grande distribuzione meglio se alimentare, abbigliamento. Ovviamente ogni paese ha le sue peculiarità: quindi è fortemente consigliato effettuare studi di mercato e compilare un business plan per capire qual è il target e quali sono i settori in maggiore espansione.

I marchi

Per garantirti il successo punta su un marchio non solo famoso ma anche finanziariamente solido. Di solito i franchisor sono tenuti a fornire agli interessati tutte le info in proposito: non si fa un investimento economico di questo tipo senza prima aver visto i conti e i prospetti.

L’importanza di avere un contatto diretto

Aprire un franchise all’estero passa attraverso un’analisi capillare degli aspetti legali e fiscali del territorio; ecco perché è davvero importante (fondamentale) avere un contatto di riferimento nel paese in cui si desidera espatriare. In questo modo si eviteranno imprevisti o brutte sorprese: c’è bisogno di qualcuno che abbia una buona conoscenza di burocrazia e pratiche legali locali.

Le agenzie specializzate

Esistono delle agenzie e dei consulenti specializzati nell’apertura di franchise e nell’esportazione di marchi; questi possono aiutarti durante tutto l’iter di trasferimento. In particolare questi soggetti si occupano di richiedere autorizzazioni e permessi, guidano gli interessati nella scelta del franchising giusto e consentono di abbreviare molto i tempi di avvio dell’attività. 

Scopri i corsi di Business English

 

Salvatore

Salvatore studia ingegneria e sogna di trasferirsi in Australia. E' preciso e un po' permaloso. Ama cucinare per la sua ragazza, Anna e insieme sognano un futuro nella terra dei canguri.

Comments

comments

Categorie
go abroad

Articoli correlati

seguici sui social media